Come convivere con il tuo gatto in casa in sicurezza

Hai deciso di prendere un gattino o un gatto adulto?
Bene sei nel posto giusto per saper tutto ciò di cui tu e il tuo nuovo compagno di vita avete bisogno per una convivenza sana e felice.

Cosa serve al gatto in casa?

La tua splendida casa dovrà affrontare dei cambiamenti, il primo su tutti sarà una corretta gestione delle risorse per il micio:

  • ciotole
  • cassette igieniche
  • tiragraffi/palestrine
  • verticalizzazione
  • luoghi di riposo
  • varchi per l'accesso all’esterno
  • persone
  • giochi.

Ciotole per gatti: quali scegliere e come utilizzarle

Partiamo dalle ciotole.

La regola vuole che il numero delle ciotole sia pari al numero dei gatti + 1.

In commercio trovi ciotole di tutti materiali, forme e dimensioni.
SI a ciotole di:

  • alluminio
  • ceramica
  • vetro

più igieniche.

Assolutamente NO a ciotole di plastica (le più vendute purtroppo), perché assorbono gli odori dei vari cibi e i detersivi.

Dove posizionare le ciotole per gatti?

Posiziona le ciotole lontano dalla cassetta igienica, come te anche a Micio non piace mangiare in bagno.

Posizionale in un posto tranquillo, non di passaggio e possibilmente se hai più di un gatto, non vicine tra loro.

La cosa migliore è che mangino separatamente, non servono più stanze, basta anche utilizzare un mobile per distanziarli, oppure utilizzare gli spazi verticali (una ciotola in alto e una in basso, usando una mensola antiscivolo).

Cassettina

La cassetta igienica deve avere dimensioni sufficienti affinché possa essere utilizzata dal gatto anche quando sarà grande.
Micio cresce più velocemente di quanto immagini!
Meglio, quindi, acquistare fin da subito una bella cassetta igienica comoda.

Attento all’età del felino: se anziano può far fatica ad entrare, in questo caso meglio prendere una cassetta igienica coi bordi bassi.

Dove posizionare la cassettina?

Posizionare la cassetta igienica lontano dal cibo (come detto sopra), in una zona di privacy.
I gatti sono molto riservati, quindi no in corridoio o zone di passaggio, no vicino al tiragraffi/palestrina, ai giochi o finestre!!!

Anche in questo caso la regola vuole che il numero di cassette igieniche sia pari al numero dei mici + 1.

In commercio esistono vari tipi di cassette igieniche:

  • aperte
  • semi aperte
  • chiuse con lo sportellino
  • chiuse con entrata da sopra…

insomma, anche qui hai l’imbarazzo della scelta.
Il mio consiglio è di utilizzare una cassetta igienica aperta, ti farà disperare per la sabbietta in giro è vero, ma Micio avrà più spazio per girarsi e muoversi.

In caso puoi sempre pensare ad un comodo mobiletto porta lettiera – chiusa ma non chiusa, e Micio ha lo spazio per girarsi liberamente.

Lettiere o sabbietta

Per quanto riguarda le lettiere da utilizzare, in commercio ce ne sono di vari tipi:

  • lettiere vegetali - di mais, tofu, carta, orzo, pellet;
  • lettiere minerali - di silicio, assorbente, agglomerante (la più simile al substrato, e abbastanza semplice da gestire come pulizia)

se poi ti trovi tanta sabbietta per casa, usa i tappetini appositi.

Non è detto però che la lettiera che hai acquistato, che ti piace tanto e magari è pure profumata, piaccia anche a Micio.

Come capire se non gli piace la sabbietta?

Micio comunica con te, devi solo imparare a leggere il suo linguaggio. Ecco i segnali più significativi:

  • trovi la pipì fuori
  • fa pipì e scappa di corsa
  • tira fuori tutta la sabbietta
  • fa pipì tenendo la testa e le zampe anteriori fuori dalla lettiera.

Questi sono atteggiamenti che indicano che la lettiera non gli piace, provane un’altra.

Solitamente la lettiera che il gatto preferisce è quella più simile al substrato che userebbe in natura, quindi senza profumo.

Igiene della cassettina

Ricordati che il gatto è un animale molto pulito e così deve essere la sua lettiera: puliscila più volte al giorno e, periodicamente, quando noti che si formano aloni maleodoranti cambia la vaschetta igienica.

Puoi anche lavarla, non spesso e non usare prodotti tipo candeggina, lysoform ecc… Basta un cucchiaio di bicarbonato e acqua, lavala una volta al mese, perché troppi lavaggi portano Micio a marcare maggiormente per la mancanza del suo odore.

I tiragraffi

Il tiragraffi o palestrina serve al gatto sia per farsi le unghie, sia per la marcatura territoriale.

Quando vai ad acquistarlo, tieni presente l’età e le sue dimensioni.

Puoi partire anche da un piccolo tiragraffi, ma ricordati che Micio crescerà in fretta. Ci sono varie tipologie di tiragraffi:

  • semplici paletti
  • quelli da parete che puoi realizzare in casa
  • le palestrine (io le amo)
  • quelli per le gambe del tavolo (li trovi tranquillamente all’ikea)

La cosa importante è che siano stabili.

Dove mettere il tiragraffi?

Anche la posizione del tirgaffi/palestrina è importante.
Puoi posizionarlo:

  • davanti ad una finestra
  • vicino alla porta d’ingresso
  • in un corridoio

in modo tale che Micio possa avere un’ampia visuale.
Inoltre, considerando che il gatto li userà per marcare il territorio, metterli nei punti di passaggio consentirà loro di definire i loro spazi.

Come insegnare al gatto a utilizzare il tiragraffi?

Se il gatto è cucciolo e non sa usare il tiragraffi, è tuo compito insegnarglielo. Potrai farlo attraverso il gioco.

Usa una bacchetta per portarlo al tiragraffi e fallo giocare vicino, utilizza il laser,

ma ricordati sempre di premiarlo alla fine della sessione gioco: lui impara con le associazioni positive.

Un altro valido aiuto è utilizzare l’erba gatta (Nepeta Cataria), inseriscine un pochino in un sacchettino di stoffa e posizionalo vicino e sopra al tiragraffi.

Arredo verticale per gatti

Ai gatti piace stare in alto.

In natura Micio si arrampica sugli alberi, ma in casa?

In casa puoi utilizzare mobili fatti a cubotti che si possono trasformare in cucce e tiragraffi, e realizzare pareti attrezzate con accessori appositi, ci sono idee bellissime.
Crea passaggi fatti con mensole.

Luoghi di riposo: le cucce per gatti

Come sai a Micio piace molto fare lunghi sonnellini indisturbato, quindi i luoghi di riposo sono assolutamente importanti.
Alcuni luoghi che il gatto sceglierà direttamente possono essere:

  • gli interni degli armadi sopra i tuoi maglioni caldi;
  • dei mobili che lui preferisce;
  • una bella e comoda poltrona;
  • sotto le lenzuola e coperte…

poi ci sono i luoghi di riposo che offrirai tu.
Mi raccomando sempre posti rialzati per Micio.
Anche in questa situazione, la regola dice che

i luoghi di riposo devono essere pari al numero dei gatti che vivono in casa + 1.

Accesso all'esterno per gatti

Veniamo ora ad un argomento delicato, l’accesso all’esterno per Micio.
Il mondo esterno è affascinante per il gatto.

Ricorda che il gatto è un felino e cacciatore, quindi molto curioso.
Il mondo esterno è per lui un continuo stimolo. È attirato da:

  • odori sempre nuovi
  • da nuovi rumori
  • uccellini
  • lucertole
  • insettini vari (che diventano presto regalini per te).

Sono tutti un’attrazione e scatenano il suo essere cacciatore, portandolo anche ad avere un’attività fisica che male non gli fa… Insomma il mondo visto dagli occhi di Micio è sicuramente diverso da come lo vedi tu.
Però, ci sono due filoni di pensiero:

  • chi trova giusto far uscire il gatto all’esterno
  • chi preferisce per sicurezza tenere Micio sempre e solo in casa.

Io personalmente, darei la possibilità al gatto di uscire ma in sicurezza.

Cosa intendo per sicurezza?

Balconi, terrazzi, giardini possono essere posti molto piacevoli per i gatti, sia per schiacciare un pisolino al sole, sia per giocare e curiosare cosa succede attorno a loro.

È bene, però, che ti affidi a professionisti del settore che, dopo un preventivo gratuito, ti monteranno delle reti apposite per non far evadere il gatto (dal giardino) o rischiare che possa cadere da balconi o terrazzi mentre balza su un’insetto.

Inoltre, se il gatto ha possibilità di uscire all'esterno, attenzione ai parassiti che dovrebbero sempre essere prevenuti con trattamenti apposta, consigliati dal tuo veterinario.

Terrazze e piante sicure per i gatti

Tranquillo, so cosa mi stai per chiedere: le reti non sono quelle verdi pesanti, ma sono studiate apposta per tenere in sicurezza il gatto e rispettare l’estetica della casa.

Puoi arricchire il balcone e terrazzo con piante (verificando che non siano tossiche per lui).

Tra le più comuni piante tossiche per il gatto trovi:

  • edera
  • azalea
  • ciclamino
  • glicine
  • agrifoglio
  • stella di natale
  • vischio
  • tulipano
  • ortensie

verifica sempre con il tuo veterinario di fiducia prima di acquistarne una.

Utilizza i box di erba, sono molto utili.

Erba gatta

Altra cosa che non deve mai mancare e di cui Micio ne va matto è la famosa erba gatta, sicuramente ne hai sentito parlare, ma perché è così importante?

L’erba gatta aiuta il gatto a vomitare, a liberarsi dei cosiddetti boli di pelo, cioè il pelo che ingerisce con la pulizia giornaliera.

Per questo antipatico problema lo puoi aiutare anche tu!

Abituando Micio fin da gattino alla manipolazione e alla toelettatura settimanale:

Usa il guanto, il pettine, la spazzola, rigorosamente con le punte arrotondate e ricoperte per non infiammare la sua cute delicata, impara a tagliargli le unghie utilizzando le apposite forbicine.

Un aiuto goloso sono le paste e i biscottini tipo Remover o pasta al malto, Micio ne andrà matto!

Per il gatto, anche le persone sono risorse strategiche, come noi, anche lui ha le sue preferenze: crea dei momenti “speciali” con lui e anche gli altri gatti se ne hai. Coccole e giochi sono un’ottimo modo per creare un rapporto di fiducia tra di voi, i giochi inoltre consentono a Micio di allenarsi e mettersi alla prova, di divertirsi e sfogare il suo istinto di caccia.

Ricordati, il gatto gioca per il gusto di giocare, ma è bene dare delle regole creando i momenti di gioco per evitare che Micio ti svegli alle 4 del mattino… Se così capita, ignoralo e…FINGITI MORTO!

Condividi!