Molte persone pensano che il mestiere della Cat Sitter sia un lavoretto che possono fare tutti, niente di più sbagliato.

Chi è il Cat Sitter?

La Cat Sitter (o il Cat Sitter) è una Professionista ancora non molto conosciuta, ma fondamentale per il benessere del gatto e non solo.

Si potrebbe paragonare a una Baby Sitter che deve accudire il Micio invece che un bambino.

È un lavoro bellissimo ma faticoso. Che implica il fare tanti sacrifici, lavorare quando gli altri riposano (feste comandate, Natale, fino a 12/15 ore di fila d'estate).
La concentrazione deve essere sempre massima. Impegno e serietà, passione e preparazione sono la base!

Quello del Cat o Pet Sitter è un mestiere che necessita in primis di enorme passione per i gatti e per tutto il loro mondo. Si diventa Cat Sitter solo studiando, seguendo dei corsi seri, superando esami e facendo la gavetta come in tutti i lavori.
In questo articolo vediamo qual è il percorso da fare e come scegliere un professionista serio.

Corsi per Cat Sitter

Ci sono scuole e corsi per Cat Sitter che ti preparano affrontando sia la parte teorica che pratica, che rilasciano attestati e certificazioni al superamento dell’esame finale. Per quanto mi riguarda io sono orgogliosa di poter dire che sono una Cat Sitter!

Come scegliere il corso per Cat Sitter?

Non esistono corsi giusti o sbagliati, esistono corsi seri che richiedono tempo, studio e sacrificio, non c’è una regola da seguire per la scelta.

Se vuoi intraprendere questo lavoro devi valutare in base alle tue esigenze cosa ti interessa imparare.
Esistono infatti varie soluzioni:

  • corsi specifici per Cat Sitter
  • di Etologia Felina
  • per il l lavoro in strutture tipo Gattili
  • corsi di Pet Sitter (non solo per gatti quindi).

Ci sono corsi online che puoi adattare alle tue esigenze di vita e altri che richiedono la presenza in aula, corsi solo teorici e corsi che oltre alla teoria hanno un monte ore di pratica, insomma hai l’imbarazzo della scelta, sta solo a te capire cosa vuoi e quanto puoi investire sia economicamente che di tempo.

Ricorda solo che un corso serio ti offre tutte le informazioni e tutti gli strumenti necessari per diventare una brava (o bravo) Cat Sitter.

Competenze del Cat Sitter: cosa fa?

Un Pet sitter per gatti deve:

  • Conoscere il comportamento di Micio, sapere come approcciarsi a lui.
  • Avere una base di medicina felina.
  • Essere in grado di comprendere e gestire il comportamento di Micio in varie situazioni (paura, stress, aggressività).
  • Saper riconoscere i disagi più comuni che si possono affrontare nell’attività.
  • Saper giocare con il gatto, il gioco serve moltissimo nel lavoro di Cat Sitter, sia per relazionarsi con Micio sia per la gestione dello stress di Micio.
  • Saper consigliare a te come e cosa fare per preparare Micio al cambiamento, quindi all’arrivo della Cat Sitter a casa o per il trasporto del gatto in pensione.
  • Avere nozioni di primo soccorso, non succede niente, ma è sempre bene essere preparati.
  • Saper capire il linguaggio del gatto, perché lui comunica con un suo codice.

Insomma il Cat Sitter serio, deve essere preparato ad affrontare ogni situazione, anche le più spiacevoli.

Capirai bene che non c'è spazio per l'improvvisazione e quindi attenzione, perché se ci si affida a persone senza competenze si può incorrere in problemi anche seri.

Purtroppo, per esperienza, mi sono ritrovata a risolvere problematiche di gatti paurosi e aggressivi per come sono stati (NON) accuditi, da Cat Sitter improvvisate.

Come scegliere il Cat Sitter e riconoscere quelli seri

Ci sono alcune pratiche che dovresti seguire per poter comprendere se sei davanti a professionista o a persona improvvisata.
Di solito un professionista serio:

  • Chiede un incontro conoscitivo prima di accettare o prenderti come cliente, non è detto che a Micio quella Cat Sitter piaccia, in questo caso è bene che tu vada avanti con la ricerca, il benessere di Micio è la prima cosa. Personalmente se vedo che al gatto non vado molto a genio preferisco rinunciare al lavoro, e magari ti indico un’altra persona di fiducia che può prendersi cura di lui al mio posto.
  • Ha referenze da poter dimostrare.
  • Ha certificazioni che dovrebbe mostrarti durante il colloquio conoscitivo.
  • Non insiste con te per avere il lavoro.

Quando chiamare il Cat Sitter?

Non pensare poi che il Cat Sitter sia utile solo quando vai in vacanza o viaggi per motivi di lavoro: una brava e seria Cat Sitter è disponibile tutto l’anno.

Di solito si contatta il Cat Sitter per:

  • chiamate di emergenza
  • consigli (lettiera, tiragraffi, cuccia, problemi di convivenza…)
  • per somministrare una terapia a Micio ma tu sei al lavoro
  • se Micio è cucciolo è bene farla passare per valutare che sia tutto ok
  • per portare Micio dal veterinario di fiducia
  • per pettinare Micio
  • tagliargli le unghie.

Compensi: quanto costa il Cat Sitter?

Se Micio ama la compagnia e soffre la solitudine mentre tu sei al lavoro, il passaggio della Cat Sitter diventa fondamentale per il suo benessere psico-fisico.

In questi casi puoi valutare con lei un forfait mensile.

Di media il compenso di una Cat Sitter va dalle 8,00 alle € 30,00 giornaliere.
La cifra varia:

  • in base al numero di passaggi,
  • alle esigenze che Micio richiede.

Ci sono professionisti che fanno rientrare tutto nella tariffa giornaliera, altri che chiedono € 8,00 per un passaggio, ma la tariffa aumenta se il numero di passaggi è maggiore, se c’è una terapia che Micio deve assumere, se il gatto ha problematiche che richiedono più tempo da dedicargli, e dai chilometri di distanza.

Nelle grandi città come Milano, Roma, Firenze le tariffe giornaliere potrebbero variare.

Cosa deve sapere il Cat Sitter quando viene chiamato

Quando chiami una Cat Sitter assicurati di lasciare detto tutto, anche le cose più assurde, ti faccio un elenco di cose che solitamente io richiedo:

  • Libretto sanitario e tutta la documentazione veterinaria del gatto.
  • Lista delle medicine con giorni e orari.
  • Numeri di emergenza: oltre al tuo, chiedo numeri di parenti, figli, genitori, amici, vicini di casa e Veterinario.
  • Indicazioni complete per l’alimentazione (secco, umido e snack).
  • Scopa o aspirapolvere (come sei abituato), da passare giornalmente, vero che tu non ci sei ma Micio in casa ci vive, ed è mio dovere farlo vivere nel modo migliore.
  • Detersivi vari, possono tornare utili.
  • Balcone/terrazzo/giardino: Micio può uscire? Si? In libertà totale (lasciami indicazioni scritte)? No? Ok Micio starà in casa.
  • Tapparelle/persiane (aperte, chiuse?) – tenda da sole? – zanzariere?
  • Luce? C’è chi mi chiede di lasciare una luce soffusa accesa di notte.
  • TV… Può sembrare strano, ma rientra nelle richieste.
  • Piante (chiedo sempre e, spero anche sopravvivano al mio pollice nero, avviso sempre che le piante non sono il mio forte).
  • Posta (c’è chi lo chiede e chi no), lascio decidere te, ma consiglio sempre di farla togliere dalla buca delle lettere.

Ricordati una cosa importante: la Cat Sitter NON è una Veterinaria (e neanche una Colf).

Come lavora un Cat Sitter serio?

Per farti capire cosa intendo con un lavoro serio ti descrivo come lavoro io. In questo modo potrai avere un termine di paragone su come regolarti.

Il mio modo di lavorare è molto semplice: quando vengo contattata da un nuovo possibile cliente, mi faccio già spiegare le sue esigenze e quelle di Micio, dopodiché chiedo un appuntamento conoscitivo, molto utile per il cliente e molto utile per me.
Vedo e forse conosco Micio (se vuole farsi conoscere, non insisto mai e rispetto sempre i suoi tempi), durante l’incontro sto attenta a tutto, a come si comporta il gatto, a come si comportano i suoi umani, alla casa, faccio domande su domande per capire nel dettaglio tutti i loro bisogni, le loro esigenze, i problemi che hanno avuto e che hanno, i problemi che potrei avere io.
Ricordati: ogni gatto ha il suo carattere, le sue esigenze, così come ogni umano.

Quando il possibile cliente finisce di parlare, inizio a parlare di me: mi presento, spiego la mia passione, i miei studi, il mio lavoro.
Mostro copia degli attestati, documenti vari, modulo da far compilare, “contratto” che firmo e faccio firmare in caso di esito positivo.

A volte ho bisogno di più incontri, dipende tutto dalle caratteristiche di Micio, il suo benessere per me è la priorità, sempre.

Infine espongo i miei servizi per poter comprendere e far comprendere di cosa potrebbero aver bisogno:

  • CAT SITTING al tuo domicilio: - somministrazione di cibo (sia secco che umido che snack) ed acqua - pulizia e cambio lettiera - coccole e giochi con Micio (almeno un’oretta a passaggio, che poi è sempre di più) - toelettatura (pettinare/spazzolare Micio) - a richiesta innaffiatura piante e ritiro posta (c’è chi si organizza con bottiglie o irrigazione automatica).
  • CAT INFO: Invio giornaliero di informazioni, di foto, video di Micio in modo che tu possa vederlo giornalmente, ed essere sempre informato sul suo benessere.
  • CAT LIMUSINE: Disponibilità a ritirare e/o riportare Micio al domicilio.
  • CAT VETERINARY: Disponibilità a portare Micio per visite veterinarie.
  • SHOP SERVICE: Spesa e consegna a domicilio – escluso il costo della spesa (scontrino).
  • CONSULENZA: - Come prepararsi all’arrivo del nuovo micio e creare un ambiente idoneo alle sue esigenze - Come scegliere il compagno felino adatto a te e alla tua famiglia - Come aiutare Micio ad accettare serenamente l’arrivo di un nuovo compagno (gatto, cane o altro membro famigliare) o cambiamenti ambientali (es. tinteggiatura, cambio mobilio o trasloco) - Come aiutare Micio quando manifesta difficoltà nel comportamento.

Ti consiglio di fare altrettanto nel momento in cui incontrerai il potenziale Cat Sitter per il tuo gatto.

Perché Cat Sitting al domicilio e non Pensione?

La mia scelta è basata sul fatto che i gatti sono animali abitudinari, stanziali, e la cosa migliore per il loro benessere psico-fisico è evitare loro stress inutile.

Già l’arrivo di una persona estranea (Cat Sitter) in casa è stressante, figuriamoci il cambio ambientale, da qui la mia decisione di offrire servizio al domicilio di Micio e non Pensione, così Micio sarà a suo agio nel suo ambiente, coi suoi odori abituali, i rumori che conosce, i suoi nascondigli sicuri e, avrà tutto il tempo che vorrà per uscire e avvicinarsi a me, tanto io poi vado e lui rimane nel suo ambiente sicuro.

Perché è utile una consulenza

Il gatto è parte integrante della famiglia ed è in costante relazione con te, la consulenza serve per approfondire la conoscenza di Micio e delle sue esigenze di specie e non riguarderà solo il problema esposto, ma punterà a riequilibrare tutti gli aspetti inerenti alla sfera ambientale e relazionale nella vita del gatto per ristabilire l'equilibrio dell'intero nucleo familiare.

Se hai dubbi, domande, vuoi approfondire l’argomento, vuoi maggiori informazioni, o semplicemente vuoi metterti in contatto con me, contattami sulla mia pagina autore o scrivimi qui su Codamentis!

Condividi!