Quante volte, dopo aver spazzolato il tuo cane, hai pensato: “con tutto questo pelo potrei farci un materasso”?
Beh un materasso magari no ma un maglioncino, un berretto, una sciarpa potresti davvero riuscire a farli.

Pelo del cane: si può riutilizzare?

Contrariamente a quanto si creda l’utilizzo del pelo di cane come “lana” non è un’idea recente né inusuale, questa pratica si chiama chiengora.

Risale a migliaia di anni fa ed è usata ancora oggi da alcune popolazioni, quelle che vivono vicino al circolo polare artico per esempio, in quanto la lana di cane è molto più calda della tradizionale lana di pecora.
Spesso, è più morbida della lana d’angora o del cachemire, oltre ad essere anallergica in quanto l’allergene che causa reazione non è sul pelo ma è prodotto dalle ghiandole sebacee, di conseguenza, una volta che il pelo si è staccato ed è stato lavato, non ne resta traccia sulla lana.

Pensa ai cani da slitta, vivono all’esterno con temperature estreme, spesso sotto i -40° e ci riescono grazie ad un sottopelo, da quello si ricava la lana, che ha un potere isolante altissimo.

Ma la puzza di cane rimane sulla sua lana?

So già a cosa stai pensando: “ma la puzza di cane?”

Beh, pensi che le pecore siano profumate? Ti garantisco che puzzano molto ma molto di più di un cane, eppure le maglie di lana non puzzano di pecora.

Se l’idea di “portarti addosso” il tuo cane/gatto sta iniziando a incuriosirti sappi che, per poterlo fare, devi avere un cane che produca una buona quantità di sottopelo durante la muta.

Quali razze sono più idonee?

Alcune razze sono più idonee rispetto ad altre, le lane migliori si ricavano dai:

  • Golden Retriever
  • Chow Chow
  • Samoiedo
  • Pechinese
  • Bovaro Bernese,
  • Alaskan Malamute
  • Siberian Husky
  • Pastore Tedesco
  • Cane Lupo Cecoslovacco
  • Collie
  • meticci

e comunque tutti i cani che abbiano un sottopelo abbondante e lungo almeno 2 cm.

Posso riciclare il pelo di gatto come lana?

Anche il pelo di gatto può diventare lana, il procedimento è un po’ più complicato e il filato che ne deriva è più delicato e facilmente soggetto ad infeltrimento.

Come si fa la lana di cane?

Si parte

  • raccogliendo il sottopelo durante la muta, solamente il sottopelo perché i peli esterni del mantello non possono essere filati, l’ideale sono le ciocche che si formano naturalmente e che basta tirare per raccoglierle
  • si accantonano in un sacchetto di carta
  • si aspetta di averne la quantità giusta per iniziare

indicativamente ne servono 200/500gr per una sciarpa, 1300/1500gr per un maglione.

lana di cane come conservare il pelo
Come conservare il pelo per la lana di cane

Si procede poi con la

  • lavatura
  • cardatura
  • filatura
  • binatura (avvolgitura)

Dovrai attrezzarti con alcuni strumenti, gli stessi utilizzati per la tradizionale lana di pecora, facilmente reperibili in rete.

Di seguito trovi qualche esempio:
Cardacci manuali Cardatori manuali | Etsy IT
Filatura

Binatura (avvolgitura) Avvolgitore a sfera lavorato a mano per lavoro a maglia e uncinetto

 

Come cardare la lana di cane? siti su cui cercare

lana di cane cardatura

Di seguito l'elenco di alcuni siti che ti seguono passo passo su come far diventare lana il pelo del tuo cane:

Ma se fosse troppo complicato... puoi sempre spedire il tuo sacchetto di sottopelo a chi ha fatto di questa pratica una professione:
Lana di Cane...filare artigianalmente la lana del tuo cane

Quanto costa la lana di cane?

Il costo di un gomitolo da 50gr. realizzato con la lana del tuo cane varia dai 12 ai 40€, la lavorazione di una sciarpa, una maglia, un berretto puoi farla tu ai ferri o all’uncinetto come faresti con qualunque altro filato, oppure puoi affidare i tuoi gomitoli ad una magliaia.

Filare la lana di cane, un nuovo lavoro?

Qui in Italia, tra i Monti Sibillini, una giovane coppia Alessandro Vittori e Giulia Alberti, aveva un Akita Inu.

Nel 2011 il loro Asaki li ha lasciati ma loro avevano conservato il sottopelo, tanto sottopelo, che lui produceva durante la muta.
La nonna di Alessandro filava la lana e così decidono di comprare un vecchio arcolaio e di mettere in pratica i consigli della nonna per realizzare una sciarpa che gli facesse sentire il loro Asaki sempre vicino.

Lana di cane collana
Collana di lana di cane - credits: lanadicane.it

Dopo aver pubblicato qualche foto sui social scoprirono di non essere gli unici ad avere quel desiderio, iniziarono a ricevere richieste da altri proprietari di cani, e non solo cani, col tempo hanno imparato a lavorare anche il pelo di gatto.

Se vuoi saperne di più su questa pratica e sulle fasi di lavorazione dai un’occhiata al loro sito

Lana di Cane...filare artigianalmente la lana del tuo cane.
O alla loro pagina Facebook  Lana Di Cane - filati artigianali | Facebook
O da Youtube )

Altri modi per riciclare il pelo di cane

Ma il pelo di cane/gatto non si presta solo ad essere trasformato in lana.

  1. Se hai un giardino o un orto puoi utilizzarlo per il compost
  2. mettilo alla base delle tue piantine, per tenere alla larga le lumache.
  3. In primavera puoi appendere una retina, tipo quella delle cipolle o delle patate, piena di pelo che gli uccellini useranno per fare il nido.

Importante è non usare il pelo della spazzolatura subito dopo l’applicazione dell’antiparassitario.

Non solo, un’azienda americana raccoglie pelo dai toelettatori e capelli dai parrucchieri e lo utilizza per creare delle barriere “assorbi olio” che vengono utilizzate in caso di disastri ecologici come lo sversamento in mare di petrolio Matter Of Trust | Eco-Enthusiasts for Renewable Resources

Avresti mai creduto che il pelo del tuo cane potesse contribuire a salvare il mondo? 😉

Fonti immagini:
http://nationalpurebreddogday.com/
http://wildaboutbirds.com/

Condividi!