Aceto di mele: quando si può usare e quando no

Uno dei rimedi della nonna più noti sul web è l'uso dell'aceto di mele per l'igiene quotidiana del pelo del cane. In questo articolo cerco di farti capire perché questa credenza popolare può, alle soglie del 21° secolo, essere superato da rimedi più efficaci e salutari.

Aceto di mele cos'è?

L'aceto di mele è il prodotto della fermentazione del sidro o del mosto di mela e viene utilizzato come condimento.
Contiene

  • sali minerali
  • enzimi
  • vitamine
  • oligoelementi
  • aminoacidi
  • acidi di frutta 
  • pectina

e può migliorare la digestione, ha proprietà antinfiammatorie e antiparassitarie.

Ippocrate lo utilizzava contro la tosse, insieme al miele (come sedativo).

Utilizzato non filtrato (quindi non quello che si trova la supermercato, limpido e senza madre) rafforza le difese immunitarie e contribuisce a mantenere in equilibrio la microflora intestinale.

Posso somministrarlo al cane?

La somministrazione di aceto di mele in acqua di abbeverata o nella pappa può essere dato una volte a settimana (un cucchiaio da caffè o da minestra a seconda della taglia del cane) sempre e solo avvertendo il proprio medico veterinario che valuti la necessità e il beneficio.
È, infatti un prodotto a Ph acido che potrebbe dare fastidio alla mucosa gastrica.

Per le sue proprietà antisettiche però può essere efficace nel controllo del tartaro.

Ecco un ottimo aceto di mele biologico che puoi acquistare online:

Come posso usare l'aceto di mele in casa?

Molti sono gli utilizzi:

  • è un ottimo anticalcare e sgrassatore per il frigorifero
  • igienizza le piastrelle vicino al fornello
  • qualche goccia riduce l'odore forte di alcune verdure durante la loro cottura (cavolfiore e simili)
  • sgrassa le pentole senza dover utilizzare i detersivi

Uso dell'aceto per pulire il cane

La proprietà più interessante dell'aceto di mele è la sua capacità di sgrassare.

Il pelo e la pelle del cane hanno uno strato idrolipidico (quindi di grasso) che non andrebbe rimosso. Serve per proteggere, nutrire e mantenere in equilibrio il microbiota cutaneo (i batteri che popolano la pelle e tutti i tessuti).

Attraverso il film idrolipidico gli antiparassitari che si somministrano per via percutanea (spot-on e collari) riescono a distribuirsi correttamente su tutta la superficie.

Il grasso della pelle serve a mantenerla in salute.

Un altro motivo per cui non è indicato l'uso dell'aceto è il suo Ph acido.

La pelle del cane ha un Ph neutro che non è compatibile con quello dell'aceto che, dunque non è indicato per essere utilizzato quotidianamente per l'igiene del pelo.

Quando non si può usare?

Non va mai usato su

  • pelli irritate
  • con dermatiti
  • pelli allergiche
  • con lesioni anche di piccola entità - l'aceto, se viene in contatto con una piccola ferita brucia.

L'aceto quindi, non può essere utilizzato su tutti i tipi di pelli delicate che possono essere soggette a problemi dermatologici.

Quando si può usare?

L'unico utilizzo lecito è quello saltuario in cui non si ha altro da utilizzare.

In caso di pelo particolarmente sporco si può diluire un cucchiaio da minestra in un bicchiere d'acqua.

Si mette il liquido su un panno e  lo si passa sul pelo. Per finire si può passare un panno umido con sola acqua per togliere il residuo.

Alternative all'aceto di mele

Oggi esistono diversi prodotti totalmente naturali che possono sostituire questi vecchi rimedi, a base di oli essenziali che, oltre a detergere delicatamente,

  • nutrono la cute del cane
  • normalizzano
  • idratano
  • leniscono

tutte proprietà che non appartengono all'aceto di mele.

Tra i tanti esistono anche prodotti a base di:

Se si deve mantenere pulito il cane, sono certamente da preferire.

Ecco qui due buoni sconto: uno da 5€ e uno da 10€ valido solo per l'acquisto di 2 pezzi.

coupon 5 € dog's healthcoupon 10 € dog's health

Condividi!