Riprendiamo il nostro percorso su come leggere le etichette dei mangimi per i nostri amici Animali e parliamo oggi dei mangimi umidi.

I cibi commerciali umidi

In un articolo precedente sulle etichette dei cibi commerciali secchi, abbiamo visto che i mangimi umidi sono quelli caratterizzati da un tenore di umidità maggiore o uguale al 60 %.

Li possiamo ritrovare sotto forma di:

  • patè
  • bocconcini
  • tocchetti e sfilacci in salsa o gelatina
  • confezionati in vaschette
  • lattine 
  • bustine.

Gli umidi comprendono sia mangimi completi che complementari, che possono essere ulteriormente suddivisi in mangimi di mantenimento o dietetici-per particolari fini nutrizionali.

Imparare a leggere correttamente le etichette dei mangimi rappresenta un atto di responsabilità nei confronti della salute e del benessere dei nostri Animali.

E’ importante sottolineare che tutti gli alimenti destinati agli animali domestici sono regolamentati da opportune normative e linee guida che ne determinano e ne controllano le caratteristiche nutrizionali e le indicazioni obbligatorie e facoltative da riportare in etichetta.

Cosa deve esserci in un'etichetta

Avrete sicuramente notato anche voi che leggendo l’etichetta di un mangime ritroviamo tantissime diciture e le principali indicazioni obbligatorie per legge sono tali da fornire importanti informazioni sulla composizione e la qualità dell’alimento che vogliamo utilizzare per il nostro Animale, cane o gatto che sia.

Queste informazioni riguardano:

  • Nome commerciale
  • Descrizione-denominazione del prodotto
  • Composizione-lista degli ingredienti
  • Additivi
  • Componenti analitici
  • Valore energetico-Dosi consigliate
  • Nome del produttore-Responsabile etichettatura e modalità di contatto
  • Lotto e data di scadenza

Nome Commerciale del mangime

Il nome commerciale viene scelto e creato del produttore per identificare il prodotto e normalmente è riportato in grande evidenza sulla confezione.

Descrizione-denominazione del prodotto

Si ritrova poi la descrizione-denominazione del mangime ossia:

  • completo 
  • complementare mangime semplice
  • premiscela che può essere ulteriormente dettagliata in
    - di mantenimento
    - dietetico
    - per particolari fini nutrizionali

seguita da altre indicazioni riferite alla specie a cui è destinato (cane o gatto), all’età, all’eventuale attività fisica ecc.
Vi sarà infatti capitato di leggere ad esempio: mangime complementare per cani adulti di piccola taglia o mangime completo per cuccioli.
Queste informazioni sono fondamentali per capire quali fabbisogni nutrizionali il prodotto è in grado di soddisfare.

Composizione-lista degli ingredienti

Troviamo poi la composizione ovvero la lista degli ingredienti/materie prime, elencati in ordine decrescente di peso, dal più al meno presente nel mangime, che possono essere riportati come tipologia generica come Carni e derivati, oli e grassi oppure in modo più dettagliato e preciso specificando ad esempio carne fresca di pollo, olio di pesce, riso ecc..

Non è obbligatorio che venga indicata la percentuale dei singoli ingredienti se non per quelli che caratterizzano il mangime come ad es. mangime con/al/ricco in pollo dove deve essere rispettata ed indicata la percentuale di pollo presente.

Additivi

Alla composizione segue la voce additivi ovvero quegli elementi aggiunti nel mangime, con particolari finalità, nella maggior parte dei casi:

  • nutrizionali (vitamine, Sali minerali)
  • per la produzione del mangime (es. conservanti, antiossidanti)
  • per migliorarne le caratteristiche organolettiche (come il colore, il sapore ecc.)

Come prevede la normativa possono essere utilizzati solo quelli rigorosamente approvati e autorizzati per un determinato scopo.

Devono essere riportati specificandone la categoria (es. additivi nutrizionali, additivi tecnologici, aromatizzanti antiossidanti ecc) seguita dal nome e/o il numero di identificazione (E…) e la quantità aggiunta.

Componenti analitici

I componenti analitici invece forniscono informazioni in merito ai parametri nutrizionali dell’alimento in termini di umidità che deve essere indicata in quanto superiore al 14%:

  • proteina grezza
  • grassi grezzi
  • fibre grezze
  • ceneri grezze

con la dichiarazione del loro contenuto percentuale sul tal quale, ovvero su tutto il prodotto.

Tutte queste diciture obbligatorie per legge sono spesso arricchite da moltissimi altri messaggi, in termine tecnico denominati claims o allegazioni, anche come disegni o immagini, che descrivono le caratteristiche del prodotto o ne mettono in evidenza alcune peculiarità.
Sono ad esempio claims quelle espressioni come  conservazione naturale, monoproteico ecc. che devono essere sempre rispettosi della normativa e della corretta e chiara informazione al consumatore.

Valore energetico-Dosi consigliate

Altro dato importante è il contenuto calorico del mangime (kilocalorie per chilogrammo del prodotto) e l’indicazione della razione giornaliera consigliata, ovvero della quantità e delle modalità di somministrazione dell’alimento, spesso riportate sotto forma di tabella.

Nei mangimi umidi, trattandosi spesso di alimenti complementari, nella tabella dosaggi si potrà trovare l'indicazione di come mescolarli ad alimento secco per completare la razione giornaliera

Inoltre, in caso di alimenti con particolari scopi nutrizionali-dietetici, vengono anche date delle indicazioni di massima per il periodo di impiego raccomandato senza dimenticare che sia le dosi che le modalità di utilizzo sono suggeriti in riferimento a devi valori medi di fabbisogno dell’animale ma, se necessario per particolari esigenze nutrizionali e in base all’eventuale stato patologico, possono essere modificate su indicazione del proprio Medico Veterinario.

Altre diciture

Il peso-quantità del prodotto, il numero di lotto, indispensabile per la rintracciabilità del prodotto, l’indicazione del Periodo minimo di conservazione riportato come “consumarsi preferibilmente entro” e il nome del produttore o responsabile etichettatura o del distributore sono altre informazioni obbligatorie che dobbiamo ritrovare nell’etichetta del mangime.

E’ inoltre necessario che siano riportati dei riferimenti quali ad esempio indirizzo email, numero verde, per permettere al consumatore di entrare in contatto con il produttore per richiedere eventuali informazioni, curiosità o precisazioni.

Vedete quante e variegate sono le informazioni che possiamo ritrovare nell’etichetta di un mangime umido e proprio per questo ci possiamo trovare spesso difficoltà nell’interpretarle e capire se il prodotto sia realmente adatto alle esigenze nutrizionali del nostro animale e qualitativamente adeguato al costo richiesto.

Scegliere consapevolmente è importante ma avvaliamoci sempre anche della collaborazione e consulenza del nostro Veterinario per capire quale sia la dieta più bilanciata e idonea per il nostro Animale.

Condividi!